LE SPEDIZIONI SARANNO ATTIVE, SENZA SUBIRE INTERRUZIONI, PER TUTTO IL PERIODO ESTIVO
Logo OIP
Forum & Faq OIP Shipping Cost E-commerce
Non ci sono prodotti in carrello
Home - News - Tracking- Prodotti Biologici - Senza Glutine o Lattosio
Spese di spedizione gratuite oltre i 150 euro ( Tabella completa spese spedizione ) .

News




Zuppa d iLenticchie di Villalba  Azienda Agricola Agrirape con Ditali al Farro Principato di Lucedio
Villalba è un piccolo paesino in provincia di Caltanisetta, nel cuore della Sicilia. La lenticchia che si coltiva in queste zone è una lenticchia gigante e piuttosto schiacciata, ricchissima di sodio, calcio e soprattutto di ferro. Ingredienti per 4 persone 250 gr. Lenticchie di Villalba "Azienda Agricola Agrirape" 200 gr. Ditali al Farro Principato di Lucedio 1 litro e mezzo di acqua Olio Extravergine di Oliva BIO "Borgo Casa Al Vento" 1 cipolla 2 carote Sale Integrale di Trapani Pepe continua....

- 31/05/2013 -



DA COSTA…A COSTA…- Ricetta di Alfredo Iannaccone
INGREDIENTI (per la base del sushi di Gragnano): 150 gr. di calamarata Gragnano in Corsa Oip Solo Prodotti Italiani, 1 litro di acqua, sale, ghiaccio (per la tartare di cernia alla citronette): 300 gr. di cernia fresca, olio extravergine Ravece delle colline irpine Lo Conte, 2 limoni di Sicilia Ribera Dop Solo Prodotti Italiani, fior di sale trapanese all’aroma di limone, un pizzico di peperoncino (per il pesto alla cetarese): 10 foglie di basilico, prezzemolo, colatura di alici di Cetara Solo Prodotti Italiani, olive siciliane schiacciate paternesi Oip Solo Prodotti Italiani, mandorle siciliane di Castelluzzo Oip Solo Prodotti Italiani, capperi sotto sale Campisi Oip Solo Prodotti Italiani, peperoncino, sale, 2 acciughe in olio di oliva Campisi Solo Prodotti Italiani. (per il sashimi alici fresche): 10 alici fresche, 2 limoni di Sicilia Ribera Dop Solo Prodotti Italiani, pepe verde del Borneo, 1 cucchiaino di olio evo

- 31/05/2013 -



Ricetta inviata da Angiolina- PACCHERI  Pastificio Gragnano In CorsaALLO SCOGLIO
INGREDIENTI 500 gr. Paccheri "Gragnano in Corsa 200 gr. Spaccatelle di Pomodoro "Masseria Dauna " Olio Extravergine d’Oliva aromatizzato al peperoncino - Pepè "Agriè" 2 Spicchi di Aglio Prezzemolo tritato Sale Grosso 10 Gamberoni 500 gr. di Vongole 150 gr. Moscardini 100 gr. Totani 100 gr. Calamari 500 gr. Cozze

- 31/05/2013 -



Ricetta inviata da Silvia  Salame di Cioccolato con Mandorle Siciliane di Castelluzzo Sgusciate
La mandorla è un prodotto tipico della Sicilia, il cui uso in pasticceria è simbolo della terra del sole. La mandorla è un seme particolarmente ricco di magnesio, calcio e ferro: si tratta quindi di un alimento particolarmente nutriente oltre che indubbiamente buono! Le qualità che abbiamo selezionato per voi sono le cultivar più dolci della zona di Castelluzzo Ingredienti: 250 gr. Biscotti secchi 100 gr Mandorle Siciliane di Castelluzzo Sgusciate 75 gr. Cacao amaro 125 gr. Zucchero di canna 2 Uova intere 125 gr. Burro sciolto 1 bicchierino di Rum (facoltativo) carta forno continua......

- 30/05/2013 -



FOOD// PICI TOSCANI ARCONATURA AL PESTO DI MELANZIANE- Di Lisa Arrigoni
Chi mi segue su Istagram conosce il mio folle amore per la pasta e sa del mio ultimo acquisto: i PICI di Arconatura. Spinta dalla curiosità (e della cottura al dente di 22 minuti!!) li ho acquistati senza pensarci due volte e mi sono sbizzarrita con una carbonara, con il buonissimo sugo all'aglione e con un pesto molto speciale alle melanziane. E ho scelto di scrivervi la ricetta di quest'ultimo perchè mi è particolarmente rimasto impresso. I Pici sono promossi a pieni voti: sposano qualunque sugo e sono gustosissimi. Tant'è vero che arrivano dalla Toscana, una regione che gastronomicamente amo molto. Ingredienti COMPONENTI PER IL PESTO DI MELANZIANE 1 melanzana grande 40 gr.di parmigiano 15 gr. di pecorino romano 1 spicchio d'aglio (facoltativo!) una manciata di pinoli qualche foglia di basilico olio extravergine peperoncino continua.......

- 29/05/2013 -



NON SOLO MACCHERONCINI A CAMPOFILONE - Pubblicato da Elena Maccone
Anche se nel linguaggio comune la parola maccheroncini indica generalmente un formato di pasta corta, nelle Marche corrisponde ad una specialità di pasta lunga conosciuta fin dal Quattrocento. Questi sottili fili di pasta all’uovo, che cuociono perfettamente in meno di due minuti e possono essere cotti direttamente nel sugo, diventarono protagonisti della tradizione popolare: la loro preparazione viene tutt’ora tramandata di madre in figlia.Il maccheroncino di Campofilone è la specialità tradizionale dell'azienda La Campofilone, il cui titolare Enzo Rossi è andato a lezione per imparare a fare la pasta dalle donne più anziane del borgo. La farina di grano duro viene impastata con uova di gallina fresche. L’impasto preparato riposa per un lungo periodo, in modo che raggiunga la giusta consistenza per la lavorazione sul piano di marmo. CONTINUA......

- 29/05/2013 -



Calamarata Gragnano in Corsa con Pomodoro ciliegino salsato - Casa Morana e Mozzarella di bufala campana
Ingredienti -500 gr Calamarata "Gragnano in Corsa" -550 gr. Pomodoro ciliegino salsato - Casa Morana -500 gr. Morana eMozzarella di bufala campana "Caseificio Sant'Antimo" -Zurlo - Olio Extravergine d'oliva Pugliese Agriè -Parmigiano Reggiano 36 mesi -Sale integrale di Tramani

- 28/05/2013 -



DAL CASEIFICIO S.ANTIMO DI AVERSA LA BURRATA DI BUFALA  CAMPANA
La burrata di Bufala è un formaggio fresco di altissima qualità, prodotto con latte di bufala. Simile alla mozzarella, è lavorata addizionando al latte la cosiddetta “stracciatella” formata da panna fresca e pezzi di pasta filata di altissima qualità,si distingue da quest’ultima per la pasta filamentosa e morbida. Può essere gustata benissimo da sola per scoprirne il sapore o accompagnata a insalate o altre verdure che ne esaltino il sapore dolce e burroso è uno dei formaggi più apprezzati per il suo gusto, unita ai primi piatti di pasta e pomodoro fresco.

- 28/05/2013 -



Caserecce Etrusca Pastificio Caponi con Spaccatelle di Pomodoro Masseria Dauna 'Nduietta bianca Consorzio Nero di Calabria
Ingredienti -250 gr. Caserecce Pasta all'uovo Etrusca "Pastificio Caponi" -250 gr. Spaccatelle di Pomodoro "Masseria Dauna" -50 gr. 'Nduietta bianca "Consorzio Nero di Calabria" -15 Olive Taggiasche in Salamoia "Frantoio Marvaldi" -Sale integrale di Trapani -1 Spiccio di aglio -Olio Extravergine di Oliva Primo DOP Monti Iblei "Frantoio Cutrera" -Ricotta Salata Marzolina

- 27/05/2013 -



SPAGHETTONI RISOTTATI, CON CALAMARETTI SPILLO IN OLIOCOTTURA E “SUCCO” DI POMODORO - Ricetta di Alfredo Iannaccone
INGREDIENTI (per gli spaghettoni risottati): 250 gr. di spaghettoni De Carolis Solo Prodotti Italiani, 1 litro di acqua, sale (per i calamaretti in oliocottura): 300 gr. di calamaretti freschi, 250 ml. di olio extravergine di oliva Dop “Primo Cutrera” dei Monti Iblei Solo Prodotti Italiani, pepe nero in grani, uno spicchio d’aglio, 1/2 cipolla bianca, 1 spicchio di cedro fresco, qualche pomodorino del Piennolo del Vesuvio Dop, cerfoglio fresco (per l’acqua di pomodoro): 10 Pomodorini del Piennolo del Vesuvio Dop, 200 ml di acqua (per le olive di Gaeta): 1 spicchio d’aglio, olio evo, una quindicina di olive nere di Gaeta, peperoncino, cerfoglio senese

- 25/05/2013 -



BIANCO, ROSSO E….Ricetta di Alfredo Iannaccone
INGREDIENTI (per i paccheri “ice”): 250 gr. di paccheri Gragnano in Corsa Solo Prodotti Italiani, 1 litro di acqua, sale, ghiaccio (per il ripieno): 200 gr. di stracciatella di burrata di Puglia Solo Prodotti Italiani, 1 cucchiaio di acqua tiepida, 2 cucchiai di ricotta forte di Puglia, erba cipollina, santoreggia (per l’acqua di pomodoro): 2 pomodori Marinda di Sicilia Pachino Igp, 150 ml. di acqua bollente (per il pesto di pistacchio e basilico): 2 cucchiai di olio extravergine di oliva pugliese Agriè Solo Prodotti Italiani, 10 foglie di basilico genovese, 20 gr. di pistacchio di bronte, pinoli, 30 gr. di Canestrato Pugliese Dop (per la decorazione): salsa al limone piccante Tipicamente Sardo Famiglia Orro, acciughe di Sicilia in olio d’oliva Stefano Rocca Solo Prodotti Italiani, basilico greco, erba cedrina

- 24/05/2013 -



Fusilli al Ferretto pastificio “Gragnano in Corsa” al Ragù di Vitello
Ingredienti per 4 persone 400 gr. Fusilli al Ferretto pastificio “Gragnano in Corsa” 700 gr. Passata di pomodoro BioColombini 500 gr Carne di Vitello 1 cipolla Parmigiano Reggiano 36 mesi

- 24/05/2013 -



Filiera come sinonimo di qualità e sicurezza: La Campofilone presenta il nuovo progetto
Enzo Rossi, titolare del pastificio La Campofilone presenta un nuovo e importantissimo progetto: è di recente costituzione, infatti, l’associazione La Campofilone Filiera, che riunisce in sé i protagonisti della filiera produttiva: le neonate La Campofilone Agro, che si occupa dell’allevamento a terra di galline ovaiole e quindi di raccolta e produzione di uova e La Campofilone Grano, per la semina e la raccolta del grano e la produzione di semola di grano duro, lavorano nel pieno rispetto degli standard qualitativi richiesti da La Campofilone pasta all’uovo, che si occupa della trasformazione delle materie prime prodotte dalle due aziende.

- 24/05/2013 -



Pastificio Caponi
La differenza tra pasta trafilata e laminata una importan differenza... PASTA LAMINATA vs PASTA TRAFILATA La pasta laminata e la pasta trafilata differiscono per il ciclo di lavorazione che porta alla formazione della sfoglia. L’impasto è il medesimo, costituito da semola di grano duro e uova fresche, miscelate a temperatura ambiente in un’apposita macchina detta impastatrice. Dopo la formazione dell'impasto esistono due processi diversi per ottenere la sfoglia: la laminazione e la trafilatura. La trafilatura consiste nel passaggio dell’impasto attraverso il gruppo pressa-trafila, l’impasto viene compresso verso la trafila dalla quale fuoriesce della forma desiderata. L'applicazione di una tale pressione comporta l'innalzamento della temperatura dell'impasto a valori tali che si rende necessario applicare un sistema di raffreddamento. La sfoglia, così ottenuta, è priva di aria.continua..

- 23/05/2013 -



RICETTA INVIATA DA ANGIOLINA SPAGHETTI PASTIFICIO MARTELLI ALLA CARBONARA
INGREDIENTI PER 4 PERSONE 400 gr. Spaghetti Pastificio Martelli 4 uova fresche 150 gr. Rigatino Macelleria Ceccotti 3 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato sale pepe

- 23/05/2013 -



Sui monti tra Campania e Puglia la Masseria Dauna prepara ottime conserve e sughi
Il pomodoro è uno degli ingredienti base della cucina italiana. Quando non è fresco e di stagione, si utilizza quello lavorato e conservato in vasetto, ma non sempre prodotti di questo tipo soddisfano il gusto. Non è questo il caso della Masseria Dauna, nata nel 2001 su iniziativa di Saveria Pozzuto e della sorella. Il nome deriva dai monti Dauni, tra la Campania e la Puglia. Alla base dell’azienda vi è un rigoroso rispetto per le stagioni e per i cicli della natura. Nessun intervento invasivo e nessun tipo di conservante. Passata di pomodoro senza sale (con e senza la foglia di basilico), pomodori pelati, pomodori di collina in acqua e sale, sughi pronti agli ortaggi di stagione con olio extravergine d’oliva disponibili in vari gusti: cipolle, melanzane, peperoni, piccante, puttanesca, carciofi. Questa la vasta gamma dei prodotti tutti caratterizzati da un ottimo grado zuccherino o dall’intenso colore, indice di una raccolta avvenuta al giusto grado di maturazione. Ne derivano prodotti dall’alta qualità e dal sapore autentico, lavorati secondo metodi tradizionali e secondo i saperi che il Subappennino Dauno trasmette.

- 23/05/2013 -

Speciale Mozzarella di Bufala



O.I.P. E  OLEIFICIO AGRIE'  GLI EXTRAVERGINI NATURALMENTE AROMATIZZATI .
LE NOSTRE ORIGINI La penisola salentina è il territorio più a Est d'Italia. Punta estrema a sud della Puglia, il Salento si insinua tra due mari proteso verso l’oriente. Famosa per una natura incontaminata dal mare cristallino e dall’entroterra ricoperto da una distesa interminabile di ulivi secolari, la penisola salentina ha raggiunto negli ultimi anni una crescente notorietà per le sue bellezze artistiche e naturali. Costumi e riti uniti ad una tradizione culinaria genuina costituiscono un eccezionale patrimonio culturale e gastronomico, un paradiso per gli amanti del benessere. Gli Oli Extravergine d’Oliva aromatizzati sono ottenuti mediante ciclo continuo a due fasi e successivo procedimento di infusione delle foglie di basilico(precedentemente essiccate) , foglie di menta(precedentemente essiccate) , rosmarino, arancia sbucciata, limone sbucciato, peperoncino, aglio nell’olio ottenuto dalla spremitura, aggiungono sapore e qualità ogni piatto.CONTINUA...

- 22/05/2013 -



Paccheri Gragnano in Corsa con Pesce Spada Pomodorini e Mandorle Siciliane
Il Pastificio sorge a Gragnano, nell'incantevole scenario della "Valle dei Mulini", dove l'acqua di sorgenti purissime - unita a materie prime eccellenti - e la brezza leggera del vento, hanno permesso di produrre da oltre cinque secoli una pasta unica. Gragnano in Corsa, ripropone in chiave moderna quest'antica tradizione, producendo una pasta di semola di grano duro di qualità superiore. La nostra è una storia di piccoli produttori che lavorano in sinergia con il mugnaio per garantire che le semole prodotte abbiano requisiti qualitativi unici. Gragnano in Corsa trasforma questa semola per offrire un'ampia gamma di formati speciali, tutti caratterizzati da una piacevole consistenza e dal sapore unico, particolarmente riconosciuti ed apprezzati dai Gourmet.RICETTA ......SEGUE

- 21/05/2013 -



RICETTA INVIATA DA DONATELLA “LATTE DI MANDORLA E GRANITA SICILIANA ”
La mandorla è un prodotto tipico della Sicilia, il cui uso in pasticceria è simbolo della terra del sole soprattutto nelle famose paste di mandorla. La mandorla è un seme particolarmente ricco di magnesio, calcio e ferro: si tratta quindi di un alimento particolarmente nutriente oltre che indubbiamente buono! Le qualità che abbiamo selezionato per voi sono le cultivar più dolci della zona di Castelluzzo Le mandorle siciliane ,sulla vostra tavola il sapore da mordere della sicilia e sono ottime anche per le preparazioni culinarie , utilizzatissime per le panature e per accompagnare molti condimenti di pasta quali le busiate al pesce spada e mandorle . INGREDIENTI 250 gr. Mandorle di Castelluzzo pelate 150 gr. Zucchero 1 litro di acqua fredda 2 bustine di vanilina

- 19/05/2013 -



RISOTTO AL FUMO DI SICILIA E WASABI-Ricetta di Alfredo Iannaccone
INGREDIENTI per il risotto: 250 gr. di riso siciliano Arborio Agrirape Solo Prodotti Italiani, 1/2 cipolla di Giarratana, 1 cucchiaio di olio extravergine Primo Cutrera di Monti Iblei Solo Prodotti Italiani, pepe nero, 1 bicchiere di Nero d'Avola Solo Prodotti Italiani - Sagana Cusuma per il brodo al pecorino nero di Sicilia: 1 litro di acqua, pomodori, patate, sedano, carote, cipolle, 70 gr. di buccia di pecorino nero di Sicillia Dop Solo Prodotti Italiani per le sarde affumicate al finocchietto: 1 mazzetto di finocchietto selvatico, timo fresco, santoreggia, pepe nero in grani, 2 spicchi d'aglio. STRUMENTI: 1 cannello

- 19/05/2013 -



O.I.P. E FRANTOIO MARVALDI
I PRODOTTI La Famiglia Marvaldi produce olio extra vergine di oliva da tre generazioni, scegliendo personalmente le migliori olive della finissima qualità "Cultivar Taggiasca" che maturano sugli alberi secolari delle colline della Liguria di Ponente (Riviera dei Fiori). La frangitura e tutti i procedimenti meccanici di estrazione a freddo avvengono nel piccolo frantoio di proprietà, situato nel paese di Candeasco (IM). Il risultato è un olio extra vergine di oliva dal sapore dolce-fruttato con leggero sentore di mandorla dolce: caratteristiche che fanno dell'olio della Riviera Ligure di Ponente uno tra i più rinomati oli italiani.

- 17/05/2013 -



Maccheroni di Toscana Martelli con Asparagi ,  Rigatino  e Pesto “Frantoio Marvaldi”
Ingredienti per 4 persone 400 gr. Maccheroni di Toscana “Pastificio Martelli” 80 gr .Pesto alla Genovese ”Frantoio Marvaldi” NEWS! 100 gr. Rigatino di Cinta Senese – Guanciale - La Cinta di Guido 50 gr. Caciocavallo “Caseificio Poma” 150 gr Asparagi

- 17/05/2013 -



PASTIFICIO CAPONI PRESENTA ETRUSCA PASTA ALL'UOVO TRAFILATA A BRONZO
Il ciclo di lavorazione ha come prima fase del processo miscelare a temperatura ambiente semola e uova fresche, spaccate rigorosamente a mano e controllate una per una da una apposita operatrice. La pasta durante il suo ciclo di lavorazione non subisce variazioni termiche, questo ci permette di non alterare le qualità organolettiche delle materie prime.

- 16/05/2013 -



DIRETTAMENTE DAL CASEIFICIO S.ANTIMO DI AVERSA PROVOLA AFFUMICATA DI BUFALA CAMPANA  D.O.P.'
La Provola di latte di Bufala affumicata è una versione della Mozzarella tipica della Campania. La mozzarella di latte di Bufala viene sottoposta ad affumicatura con procedimento naturale. Ingredienti: latte di Bufala, caglio e sale. Và consumata naturalmente a crudo da sola o abbinata ad ogni tipo di verdura. Per cucinarla, invece, va tolta dal liquido e tenuta per alcune ore nel frigo, affinchè possa separarsi dall'acqua in eccesso, guadagnando così la giusta consistenza.

- 16/05/2013 -



Presto disponibile il riso Siciliano
Da un esperimento dell'azienda Agrirape e' rinato, dopo circa un secolo, il riso siciliano. Infatti in passato il riso veniva ampiamente coltivato in Sicilia, ma tra la fine dell'800 e gli inizi del '900 se ne è persa la coltivazione per diverse cause. Oggi il riso siciliano è rinato. Si tratta di una varietà ottima per risotti, ma anche per le tipiche preparazioni siciliane: timballi, ripieni e soprattutto gli arancini di riso. PROSSIMAMENTE IN VENDITA

- 15/05/2013 -



CHE NE SAI TU DI UN CAMPO DI GRANO…Ricetta di Alfredo Iannaccone
Una pasta all’uovo della tradizione che da possibile protagonista di un primo piatto diventa un pane croccante: si trasforma nella componente di accompagnamento, calda e profumata, di un pesce fresco e particolare, un pesce non di mare ma di fiume, una trota salmonata gustosa e dalle carni colorate e non molto grasse, che cuoce al vapore di acqua “aromatizzata” alle erbe di primavera, quelle del nostro balcone, e viene poggiata, delicata e non invasiva nel gusto, su una crema speciale di patate gialle della Tuscia unite agli asparagi bianchi di Bassano. Una combinazione perfetta, arricchita dal profumo del timo fresco, da una nota di pepe nero, con il risultato di una vellutata dal gusto davvero eccezionale. Non manca una Cipolla Ramata di Montoro, con la sua dolcezza, a dare corposità e tono al composto. Infine l’affumicatura, che poi affumicatura non è: l’aggiunta di una nota decisa di foglie di the nero Lapsang Souchong, il the asiatico affumicato, dai sentori intensi di legno di fondo di besco, gli odori della soia. Un the eccezionale, che pestato a crudo non ha bisogno di acqua, ma viene usato in questo caso per aromatizzare le verdure. Perfetto con i sapori della terra (le patate e le cipolle) e del bosco (gli asparagi). Ed ecco la pasta: una pasta che non si comporta da pasta. Chi dice che un tagliolino all’uovo per essere buono deve essere solo cotto in acqua calda? Provate a friggerlo, a bassa temperatura (70 gradi) in un olio che cuoce due volte. Prima per qualche istante a 200 gradi con zenzero fresco, per assorbirne i sentori. Lo zenzero poi viene eliminato, l’olio viene fatto raffreddare, lo si porta a 80 gradi, si tiene la temperatura costante, e si immergono le “fascine” di tagliolini. Pochi minuti, si colorano, diventano profumati. E’ come mangiare un pane, dei crackers, dei grissini. L’abbinamento con pesce e patate ci sta da Dio. La trota infine cuoce al vapore, con la pentola di Bambù, in un’acqua profumata con menta e basilico, e condita con un filo di extravergine allo zenzero. Il nome del piatto? Un omaggio alla canzone di Battisti (immortale) per una creazione che ricorda per profumi e colori la “nuda terra”: una fascina di grano, le patate e le cipolle del campo, i fiori di timo. Il pesce di fiume, da pescare e portare a casa, e cucinare per tutta la famiglia, con i sapori di ciò che si è coltivato con passione e cuore, con la forza delle mani e il sudore della fronte…

- 15/05/2013 -



Tagliatelle Etrusca Pastificio Caponi alle Verdure
Ingredienti 250 gr. Tagliatelle Etrusca "Pastificio Caponi" Olio Extra vergine di Oliva Biologico "Il Vecchio Maneggio" verdure miste (carote, melanzane, zucchine, cipolla, fagiolini ecc) Parmigiano Reggiano 36 Mesi Sale Integrale di Trapani Pepe

- 14/05/2013 -



ARTIC - Ricetta di Alfredo Iannaccone
La Primavera è arrivata. La sentiamo, ne percepiamo il calore. E la emozione della nuova stagione “influenzano” le nostre scelte culinarie, rendono più leggeri gli abbinamenti, ci lasciano propendere per antipasti ricchi di colore e di sapore, con protagoniste le eccezionali materie prime del nostro mare. Ma la Primavera è anche il momento delle spezie: la menta, che in inverno cerchiamo come l’oro, adesso è ovunque. Di tante varietà, ci inonda con i suoi profumi. E poi il basilico greco, piccolo e straordinario, e il timo limone, che con quell’odore così intenso di agrumi ci invoglia ad abbinamenti mare-terra che possono essere unici. Naturalmente poi subentra sempre la fantasia, che ci regala accostamenti inusuali, che ci porta ad accostamenti con terre lontane che possono lasciare positivamente sorpresi i nostri commensali. Il primo attore della ricetta di oggi è un tonno, ma non un tonno come gli altri: bensì una ventresca di tonno rosso di Favignana. Fresco, una perla della Sicilia Occidentale. Deve cuocere poco, il suo gusto, forte ma piacevolissimo, il suo colore così vivo, ci fanno venire voglia di prenderlo a morsi così, immerso solo nel migliore limone di Sicilia, con gocce di aceto balsamico di Modena. Invece lo elaboriamo, prepariamo quello che i giapponesi chiamano tataki. Non è altro che un tonno immerso due volte in una panatura di sesamo bianco tostato, appena appena scottato solo ai lati, con un filo di profumatissimo olio al sesamo. Il colore rosso del tonno, una volta tagliato il filetto, fa da straordinario contrasto con la crosta esterna, i profumi del sesamo tostato ci inebriano. Accanto al tonno decidiamo di preparare una insalata di frutta: arancia bionda di Ribera dop, succo di limone di Ribera Dop e dadini di mango. “Condiamo” il tonno con un pesto di menta glaciale: buono, intenso, contribuisce alla costruzione di un piatto che è piacere dei sensi. Le erbe aromatiche, la frutta, il pesce migliore, la tecnica di cucina giapponese: Sicilia e Sol Levante si fondono ancora una volta e ci regalano gioia in cucina. Il piatto si chiama Artic perchè il sapore, il profumo della menta glaciale, dopo il primo assaggio, ci rimarrà al palato, e non ci lascerà fino alla fine.

- 14/05/2013 -



Riso Siciliano “Azienda Agricola Agrirape” alla Leonfortese
Da un esperimento dell'azienda Agrirape e' rinato, dopo circa un secolo, il riso siciliano. Infatti in passato il riso veniva ampiamente coltivato in Sicilia, ma tra la fine dell'800 e gli inizi del '900 se ne è persa la coltivazione per diverse cause. Oggi il riso siciliano è rinato. Si tratta di una varietà ottima per risotti, ma anche per le tipiche preparazioni siciliane: timballi, ripieni e soprattutto gli arancini di riso. PROSSIMAMENTE IN VENDITA....continua...

- 13/05/2013 -

Ricette della settimana



Maccheroni  Mancini con Fave di Leonforte e Piacentinu Ennese
Il Piacentinu Ennese è un formaggio a pasta compatta e pressato, ottenuto con latte ovino intero crudo ad acidità naturale di fermentazione, prodotto dalle Razze ovine autoctone siciliane Comisana Pinzirita, Valle del Belice e loro meticci, alimentati al pascolo naturale con aggiunta di zafferano coltivato nel territorio Ennese e del pepe nero in grani. Ingredienti per 4 persone -400 gr Maccheroni “Pastificio Mancini” -150 gr. Rigatino Toscano “Macelleria Ceccotti” -150 gr Fava Larga di Leonforte “Azienda Agricola -Agrirape” -1 cucchiaino Finochietto Selvatico in vaso “Campisi” -80 gr. Formaggio Piacentinu Ennese -1/2 Cipolla -Olio Extra vergine di Oliva biologico Biocolombini -Sale Integrale di Trapani

- 10/05/2013 -



Fusilli  Etrusca con Carciofi Arrostiti e Coppa
250 gr. Fusilli Pasta all’Uovo Etrusca ”Pastificio Caponi” 4 Carciofi Arrostiti in Olio di Oliva “Arconatura” 100 gr. Coppa “Al Berlinghetto” Olio Extra Vergine di Oliva Biologico “Borgo Casa Al Vento” Ricotta salata Marzolina

- 09/05/2013 -



GIOCO DI CONSISTENZE - Ricetta di Alfredo Iannaccone
Tutto cambia, tutto si evolve in cucina. Ciò che prima era non è. Ma solo a livello di “visione”, di occhi, perchè il palato del commensale quando assaggia “sente” i sapori che conosce, quelli tradizionali, e si avvicina quindi con gioia ad un piatto che fa parte del suo passato, dei suoi trascorsi. Sicilia-Calabria e Irpinia si fondono insieme in un piatto dove il concetto base è quello di fave-pecorino e guanciale. Abbinamenti “di un tempo”, uniti ad una carne campana, sempre irpina, di altissima qualità. La razza bovina podolica, tra Montella e Bagnoli (dal cui latte si ricava il famoso caciocavallo irpino) è una razza che ben adattandosi alle difficili condizioni ambientali delle zone interne dell’Italia Meridionale, produce latte e carne di qualità eccellente. La sua sopravvivenza e le possibilità di consolidamento sono strettamente legate al recupero zootecnico di aree marginali e al miglioramento genetico, per la produzione del cosiddetto vitello da ristallo. La tradizione delle feste di paese lo voleva cotto intero, allo spiedo, e offerto alla gente. In questa ricetta serviamo la polpa di vitello a cubotti, alti e piccoli, “panati” in briciole di pane grattugiato di kamut unito a spezie profumate e incisive, quali pepe nero e sale nero affumicato. Non manca una curcuma, lo zafferano delle indie, che regala colore e tonicità. Ma soprattutto sapore al pane. Perchè giochi di consistenze? Perchè ciò che era non è, perchè un pecorino, solido e stagionato, diventa una crema, una fonduta. Da unire a una provocazione, polvere di fave crude, siciliane di Leonforte, unite a questa specie di besciamella, senza farina, dove l’amido delle fave regala sapore, delicatezza e una bella tonalità cremosa. Un composto da poggiare in forma circolare, sul fondo del piatto: un cerchio ai cui lati poggiamo i nostri cubotti di carne. Una panatura leggera, senza l’uso di uova. La carne “sigilla” prima in padella, un istante, poi termina la sua cottura in forno. E’ leggera ma non risulterà priva di gusto. Il guanciale di suino nero dei Nebrodi allo stesso modo si evolve, stracuoce a tocchetti grossi in forno a bassa temperatura, viene poi frullato e passato al setaccio. Non c’è olio, ci mancherebbe, ma il grasso del guanciale che diventa una salsa liquida finisce a gocce sulla carne e ai lati del piatto. Ricorda il sapore del burro, dello strutto, non usiamo olio per cuocere la carne in forno, non ci sono altri grassi se non un filo di extravergine per scottare il vitello, che è croccante e profumato all’esterno e rimane rosa all’interno. La riduzione di guanciale è piacevole servita nelle giuste dosi (a gocce) sulla carne. Le fave in polvere e il pecorino creano un bell’abbinamento, da provare e da gustare…

- 09/05/2013 -



  AZIENDA AGRICOLA AGRIRAPE MIGLIOR AZIENDA CONSEVIERA SICILIANA  2013
"Hanno cominciato con la pesca tardiva. Poi con la fava larga. Da piccola impresa familiare si sono fatti azienda agricola che conserva con grandissima cura il patrimonio agricolo di biodiversità che cresce dalle loro parti. E ora la voglia della sfida li ha portati anche a coltivare riso per riappropriarci di un po’ di storia. Basta e avanza". Con questa motivazione, che ci riempie d'orgoglio, la nostra azienda La nostra azione è sempre stata spinta da un'immensa passione per la Sicilia e per il nostro territorio, una grande passione per l'agricoltura, la biodiversità e la qualità. Fino ad oggi abbiamo raggiunto dei traguardi di grande eccellenza e speriamo continuare sempre su questa strada, seguendo l'unica direzione che conosciamo: la qualità. come miglior azienda conserviera siciliana, con il premio "Best in Sicily" 2013.

- 08/05/2013 -



La nuova scommessa di CASA MORANA presto in vendita su  OIP
"Si tratta del pomodoro Pixel: una varietà che si presenta molto gustosa e saporita sia nella salsa che come prodotto essiccato. Nella salsa si avverte un sapore poco acidulo, caratteristica comunque riscontrabile nella maggior parte dei pomidoro, ma allo stesso tempo molto dolce al punto giusto. Ill pomodoro Pixel si presenta con un colore rosso brillante, ideale nella pasta in cui si amalgama perfettamente. Nella varietà del Pixel essiccato al sole, la polpa trattenuta nella buccia la rende morbida e al tempo stesso carnosa, al punto tale che al palato non si distingue più la buccia dalla polpa".

- 07/05/2013 -



Frittata con Fava Larga di Leonforte
Ingredienti •125 gr . Fava Larga di Leonforte •6 uova •50 gr. Pecorino Siciliano DOP •Plop Extra Vergine di Oliva Frescolio Frantoio Cutrera •Sale Integrale di Trapani •Pepe •Prezzemolo •1/2 cipolla

- 06/05/2013 -

Ricette della settimana



PAPPARDELLE, CECI…E FIORI DI TIMO- Ricetta di Alfredo Iannaccone
L’alta cucina a volte è racchiusa anche nella semplicità. Nello sguardo, fiero, che un appassionato, un “innamorato” dei fornelli rivolge al suo passato. Nella “mia” Irpinia, la ricetta delle lagane con i ceci affonda le radici nella notte dei tempi. Un piatto in fondo povero, con acqua, farina e legumi. Una pietra miliare dell’entroterra, quando bastava la sapienza della donna di casa per impastare una tagliatella larga e unire dei ceci saltati in padella, con una costa di sedano e dei pomodorini a profumare il piatto. Non dovevano poi mancare le spezie, i sapori verdi della terra. Per un piatto da “mille e una notte”. Oggi proviamo a rendere “extraregionale” il piatto. Alle lagane fatte in casa sostituiamo delle favolose pappardelle all’uovo, di scuola marchigiana, di Campofilone. Tengono la cottura, “aprono la strada” a qualunque condimento la fantasia voglia abbinarci. I ceci sono siciliani, artigianali, sono un capolavoro gastronomico della Trinacria. Sono i ceci di Leonforte, terra di passione, di amore, di tradizione per la vera cucina. I legumi dopo la fase di “ammollo” si aromatizzano in olio e peperoncino e poi vengono stufati con l’acqua di cottura. E qui ci viene in aiuto la primavera, con un timo straordinario, che ci regala anche i primi fiori, bianchi e viola. Le pappardelle saltano alla fiamma con i ceci e poi le impiattiamo con un tocco di fantasia: un rametto di timo, i fiori di timo, commestibilissimi. Non mancano le erbe aromatiche migliori come prezzemolo e mentuccia romana. Infine un tocco “vagabondo”. Granelli di sale viola al Brunello di Montalcino. Un profumo di vino, e che vino! a chiudere un piatto ricco di tradizione e di amore per la cucina, la mia, la vostra Isola Felice…

- 04/05/2013 -



FILETTO DI FASSONA IN CROSTA DI CHIPS DI PATATE ALL’HABANERO -Ricetta di Alfredo Iannaccone
Un viaggio nella cucina Piemontese: chiudendo gli occhi, tra i fornelli dell’Irpinia, e riaprendoli, come d’incanto, per realizzare il proprio sogno. Ci troviamo di fronte a filetti di fassona, la razza bovina più pregiata d’Italia. Autoctona, meravigliosa, magra, morbida in cottura. Il meglio di una regione straordinaria, che con i suoi vini, le sue carni, i suoi formaggi, non ha termini di paragone. Il percorso di oggi è quasi tutto proiettato verso il Piemonte. Con una carne “di nicchia”, dal costo elevato ma il rapporto qualità-prezzo tiene alla grande: un formaggio, come il Castelmagno d’Alpeggio, un erborinato del cuneese realizzato dal sapore intenso ma perfetto con gli abbinamenti che realizziamo. Il Castelmagno d’Alpeggio viene prodotto in alpeggi situati al di sopra dei 1600 metri di quota, là dove grande è la fragranza delle erbe foraggere e straordinaria è la varietà e la ricchezza della flora prativa, composta di graminacee dei generi “poa” e “festuca” che esaltano le caratteristiche organolettiche del formaggio. I malgari lavorano esclusivamente il latte delle proprie vacche, che vivono allo stato brado e che conserva il sentore dei fiori e delle erbe dei pascoli da cui proviene. E’ assolutamente vietata la somministrazione agli animali di insilati o di mangimi o di sottoprodotti industriali. E’ vietato il ricorso a fermenti lattici nella lavorazione. Insomma la qualità del prodotto è garantita al cento per cento. Qui si lavora con passione, sacrificio, amore per la natura e per il prodotto. Del resto le ricette di alta cucina hanno bisogno di materie prime eccezionali, come quelle che usiamo in questa creazione. C’è tanto Piemonte nel nostro piatto, ma la Cucina Vagabonda ama le fusioni extraregionali di grandi prodotti. Lo sapete. Come le fave, di Leonforte (Sicilia), e come le patate, a pasta gialla, del viterbese. Con il vino che usiamo torniamo al Piemonte, come in un viaggio di passioni ed emozioni senza fine: un chiovende, rosso, biologico, profumato, intenso, senza solfiti. Un Chiovende del Monferrato, di vini così se ne fanno di rado.Vino raro, derivante dalla vinificazione di uve autoctone Ruchè. Lo usiamo sia per sfumare la carne prima di passarla in forno (quindi doppia cottura) sia per servire il nostro piatto. Il tipico aroma varietale del vino è molto intenso e persistente, tipicamente di rosa, di ciliegia e con il passare del tempo di pepe verde e di geranio. Al gusto è decisamente particolare la sensazione vellutata proposta sul palato. La selezione delle migliori uve ha esaltato le caratteristiche varietali di questo nobile vitigno, offrendo un quadro aromatico strepitoso e un gusto degno di meditazione. Che altro dire? Se non che il piatto di oggi è per palati fini, e non si può fare a meno di creare giochi di colori. Ci viene in aiuto la primavera, con i suoi fiori, belli e anche commestibili. Come i fiori di timo, dal profumo incredibile. E poi le spezie. E’ il mese dei germogli, da far crescere sul proprio balcone. Come quelli di habanero, che usiamo per decorare il piatto. Sentori di terre lontane, aroma leggermente piccante. Quello stesso habanero che ritroviamo nelle chips di patate che diventano una croccante panatura per una carne e un secondo piatto da mille e una notte.

- 02/05/2013 -



Ricetta Inviata da Daniela BUSIATE CON FILETTI DI PESCE SPADA, ZUCCHINE E MANDORLE.
INGREDIENTI PER 4 PERSONE 500 gr di Busiate “Pastificio Eocene” 150 gr di Filetti di pesce spada “Arconatura” 3 Zucchine 7/8 pomodorini freschi 10 pomodorini secchi in olio d’oliva “Casa Morana” 20 mandorle tritate 2 cucchiai di panna da cucina 1 pizzico di zafferano ½ cipolla Olio d’oliva extra vergine Frantoio Franci 'IGP Toscano 1 spicchio d’aglio Peperoncino Sale e pepe

- 02/05/2013 -


OIP S.R.L.
La più grande boutique del cibo ITALIANO di qualità ad un prezzo equo.

MAGAZZINO
Via Nicolò Copernico 5/7
25020 Flero ( BS )
Italy
C.F./P.IVA 03443730985 - REA: BS 534780
Capitale Sociale Euro 80.400,00 Interamente versato

RECAPITI E ASSISTENZA
Tel.: +39.0303581121
Email: info@soloprodottiitaliani.it
PEC: info@pec.soloprodottiitaliani.it
Forum: Domande degli utenti

PAGINE UTILI
CONDIZIONI DI VENDITA
GDPR & COOKIE

Privacy Policy
Cookie Policy

Lingue/Languages
Lingue/Languates project OIP

Visitatori del giorno: 492


ECOMMERCE CERTIFICATO
ECOMMERCE CERTIFICATE

E-Commerce Certificato

PAGINE CIFRATE HTTPS
ENCRYPTED HTTPS PAGES

I installed a Let's Encrypt certificate on our website

PAGAMENTI SICURI
SECURE PAYMENT METHODS

Secure Payments
Pay with PayPal

CORRIERI SPECIALIZZATI
COURIER SPECIALIZED

Currier for OIP