Logo OIP
Forum & Faq OIP Shipping Cost E-commerce
Non ci sono prodotti in carrello
Home - News - Tracking- Prodotti Biologici - Senza Glutine o Lattosio
Spese di spedizione gratuite oltre i 150 euro ( Tabella completa spese spedizione ) .

News




Birra Agricola Italiana - Orzo e luppolo in riva allÂ’Oglio per dare vita alla Birra Oi
A Urago d’Oglio l’azienda di Marco Berta e Stefano Camilucci che produce ventimila litri l’anno.
URAGO D’OGLIO - Birra agricola del territorio, con orzo e luppolo coltivati nei campi dell’azienda Bertaintorno alla Cascina Giardino, ad Urago d’Oglio. Frutto dell’impegno di due giovani, Marco Berta e Stefano Camilucci, amici da vent’anni. Un matrimonio simbolico fra la pianura dei cereali e la Franciacorta dei vigneti, visto che Camilucci è titolare dell’azienda La Valle, sei ettari e 50mila bottiglie l’anno di bollicine a Rodengo Saiano. La birra si chiama «Oi»: come Orzo italiano e come Oglio in dialetto. A marcare proprio il legame del prodotto con la terra di origine, richiamato pure dal logo sulle bottiglie: le due lettere sottolineate da uno sbaffo che evoca lo scorrere dell’Oglio. La Cascina Giardino, del resto, si trova a poche decine di metri dal fiume, lungo la ciclabile che collega Urago e Rudiano, con vista sui viadotti di Brebemi e della Tav. L’export. Ventimila i litri prodotti all’anno dalla società B&C di via Maglio ad Urago (vedi www.birraoi.it), e messi in vendita soprattutto nei ristoranti italiani. «Con un promettente sviluppo all’estero: siamo presenti in Svizzera, Inghilterra e Hong Kong», dicono Camilucci e Berta. La prima bionda etichettata Oi è stata stappata nel 2013. Viene commercializzata insieme al Franciacorta dell’azienda La Valle. L’idea iniziale, spiegano i due soci, era di mettere a frutto le reciproche passioni per le attività agricole di famiglia, puntando però su un nuovo prodotto. «L’Italia - dicono - ha una grossa prospettiva di crescita nella produzione della birra. In pochi anni i nostri birrifici hanno ottenuto buoni risultati. Abbiamo un’ottima acqua di fonte, ma siamo ancora deficitari nelle materie prime fondamentali, luppolo e orzo». Vengono importati dall’estero, Germania soprattutto. Berta e Camilucci hanno da subito voluto puntare all’autosufficienza. Non solo: «Ci proponiamo già come fornitori di materia prima per altri birrifici». Due gli ettari dell’azienda Berta destinati alla coltivazione dell’orzo per birra. Inoltre, da poco è stata impiantata una nuova «gabbia» per la crescita del luppolo. Fra meno di un mese il raccolto per una «Oi» alcento percento del territorio. Per ora c’è un solo tipo di luppolo (da cui dipendono aroma e amaro della birra), l’obiettivo è allargare la scelta. Due i formati disponibili delle bottiglie: da 0,75 e da un litro e mezzo, il magnum, «come il Franciacorta» sottolinea Camilucci. Nei ristoranti la 0,75 si vende a 15 euro. Soddisfatti. «Siamo soddisfatti, il mercato risponde bene, è un business che può funzionare», concordano i due soci. Per Marco Berta, in particolare, si è trattato di scegliere un’attività economica nuova, sostitutiva, scommettendo sul domani. Anni fa, accanto all’aziendaagricola,funzionava anche l’allevamento di bovini e suini. Dismesso. «La mia famiglia, con papà Mario, è qui da mezzo secolo ed ha sempre fatto cerealicoltura», racconta Marco. «Abbiamo pensato di diversificare, assecondando le tendenze delmomento. Da qui l’idea dellabirra Oi». L’orzo viene inviato ad Ancona, al Cobi, l’unico Consorzio italiano dell’orzo e della birra. È formato dagli agricoltori che conferiscono la materia prima: fra loro, appunto, la B&C. Il Cobi prepara il malto, che poi viene affidato ai birrifici per la produzione vera e propria. Berta e Camilucci hanno un sogno: poter fare da sé anche questa parte di lavorazione. Ma questo è il futuro.
- 31/08/2016 -



Gragnano in Corsa  Prepariamo l'impasto utilizzando acqua pura proveniente dal territorio icontaminato del Parco dei Monti Lattari
Prepariamo l'impasto utilizzando acqua pura proveniente dal territorio icontaminato del Parco dei Monti Lattari, con basso contenuto di calcio, e semola di grano duro che garantisce l'alta qualità della pasta. La semola è ottenuta attraverso un processo di macinazione che non riduce eccessivamente il diametro delle particelle che la costituiscono e non danneggia l'amico, preservandone le caratteristiche nutrizionali. La fase dell'impasto avviene lentamente e dura circa 20 minuti: l'acqua si distribuisce uniformemente favorendo l'idratazione completa della sempla e permettendo la formazione del glutine, una rete proteica che fa si che la pasta rimanga "al dente" e non si ammassi nel piatto dopo la cottura. La trafilazione al bronzo, come da tradizione Gragnanese, conferisce alla pasta quella rugosità caratteristica che permette di trattenere meglio il condimento. L'essiccamento, infine a basse temperature (mai superiori ai 45°c) ed in celle statiche per tutto il tempo necessario (non meno di 48 ore) favorisce i fenomeni di fermentazione superficiale che sono il segreto dell'aroma e del sapore particolare della pasta da noi prodotta. Cosi nasce la pasta Gragnano in Corsa. Ora osservate la nostra pasta: il suo colore è giallo pallido (lo stesso colore del grano) e di controluce si nota la grana grossa della semola. Poi toccatela: è ruvida ed estremamente porosa. Infine, assaggiatela: sicuramente ne riconoscerete e ne apprezzerete l'aroma e il sapore unico.

- 26/08/2016 -



Il più antico produttore di Aceto Balsamico di Modena. Dal 1605.
Al "Gran Deposito Aceto Balsamico di Giuseppe Giusti" sono centinaia i barili risalenti al 1600, 1700 e 1800 all'interno dei quali invecchiano aceti di altissima qualità.

- 24/08/2016 -



Campo ai Sassi Rosso di Montalcino DOC Marchesi de Frescobaldi
Campo ai Sassi Rosso di Montalcino presenta le stesse caratteristiche del Brunello ma in versione più giovanile e disimpegnata. Si produce infatti dalla stessa varietà di uva, il Sangiovese, proveniente dai vigneti posti su terreni molto profondi che danno dunque vini profumati ed eleganti, ma meno tannici del Brunello. Ricchezza di profumi in un bicchiere dal colore rosso rubino brillante. Un ventaglio di spezie e di frutta fresca, che si accompagnagno ad eleganti aromi balsamici per un vino dal carattere vivo e spiccato. Campo ai Sassi 2014 richiama fortemente la parentela con il CastelGiocondo Brunello; un sangiovese schietto, ricco ed appagante, perfetto da gustare con arrosti e lasagne, ideale con un piatto di pasta all’uovo al sugo di carne.

- 22/08/2016 -



Parmigiano Reggiano Vacche Rosse : Solo il latte migliore diventa formaggio d'eccellenza
Prodotto con latte di Vacche Rosse di Razza Reggiana alimentate esclusivamente con erba, fieno e mangimi certificati no OGM e con il divieto assoluto di qualsiasi tecnica alimentare che serva per forzare la produzione, per la massima attenzione al benessere animale. Il Parmigiano-Reggiano di questa stagionatura può essere abbinato con vini rossi più o meno strutturati quali il Sangiovese di Romagna, il Gutturnio, il Chianti Classico. Ottimo se presentato tagliato a petali in un’insalata di frutta (pere, mele, pompelmo, arancia) condita con Aceto Balsamico Tradizionale di Modena o di Reggio Emilia. Il formaggio può essere accompagnato a qualsiasi tipo di frutta secca come noci, nocciole, fichi. E’ veramente superbo in abbinamento con le prugne secche. Formaggio Ingredienti: Latte, Caglio, Sale

- 13/08/2016 -



Pastificio dei Campi 100% made in Italy
Le aziende certificate 100% Made in Italy sono soggette al rispetto di un disciplinare (su cui vigila l’IMQ) che impone loro: • utilizzo di marchio proprio; • fabbricazione realizzata per intero in Italia; • materie prime esclusivamente italiane e di alta qualità (nel nostro caso il grano duro italiano); • produzione con progettazioni esclusive dell’azienda; • lavorazioni artigianali tipiche italiane. Inoltre, sempre secondo il disciplinare, i prodotti 100% Made in Italy devono essere realizzati in osservanza ai criteri di sicurezza e alle norme sull’igiene. I prodotti che godono di tale certificazione sono contraddistinti dal marchio olografico dell’iscrizione al Registro nazionale dei Produttori Italiani. In questa maniera le produzioni veramente italiane sono distinte da quelle di dubbia provenienza e, di conseguenza, sì garantisce al consumatore una totale chiarezza in merito all’origine e alla qualità del prodotto. La certificazione 100% Made in Italy è pertanto un ulteriore tassello nel progetto di totale trasparenza e tracciabilità della Pasta di Gragnano I.G.P. del Pastificio dei Campi che, fin dalla sua nascita, ha dato vita a un sistema di tracciabilità della filiera (il Total Tracking System) fruibile da tutti i consumatori attraverso questo sito internet. Il TTS permette a chiunque sia in possesso di un pacco di Pasta dei Campi di scoprire da quale parcella di terreno proviene il grano duro utilizzato per la sua produzione (per la maggior parte di origine pugliese), il giorno del raccolto, la data e il luogo della molitura (sempre il Molino De Vita di Casalvecchio di Puglia), la data di preparazione della pasta all’interno del Pastificio dei Campi a Gragnano, e i volti di tutte le persone che con il loro lavoro contribuiscono all'ottenimento del prodotto finito (dai contadini al mugnaio, dal pastaio al pacchettista). Tutto questo lavoro e questo impegno garantisce alle persone di poter gustare la vera Pasta di Gragnano a Indicazione Geografica Protetta realizzata esclusivamente con il miglior grano duro italiano.

- 11/08/2016 -



Frantoio Costa  Olio extravergine dell'Etna Aromatizzato per infusione
Prodotti senza utilizzo di aromi ma solo da frangitura di olive e prodotti coltivati rigorosamente su terreni circostanti le zone dell'Etna. Condimento al Peperoncino a base di olio extravergine di oliva. Indicato rigorosamente al crudo e con la giusta cautela, esalta i sapori dei piatti del grande panorama del piccante. Condimento al Limone a base di olio extravergine di oliva. Prodotto senza utilizzo di aromi ma solo da frangitura di olive e limoni. Limoni coltivati rigorosamente su terreni circostanti le zone dell'Etna. Indicato al crudo per condimento di insalate verdi, pesce ed arrosti di carne. Condimento Aglio e Peperoncino a base di olio extravergine di oliva. Prodotto da frangitura di olive e aglio coltivato sulle zone dell'Etna e da infusi di peperoncino. Indicato per condire il classico piatto della tradizione italiana. Condimento al Mandarino a base di olio extravergine di oliva. Prodotto senza utilizzo di aromi ma solo da frangitura di olive e mandarini. Mandarini coltivati rigorosamente su terreni circostanti le zone dell'Etna. Indicato al crudo per condimento di insalate verdi, pesce ed arrosti di carne. Condimento all’Arancia a base di olio extravergine di oliva. Prodotto senza utilizzo di aromi ma solo da frangitura di olive e arance. Arance coltivati rigorosamente su terreni circostanti le zone dell'Etna. Indicato al crudo per condimento di insalate verdi, pesce ed arrosti di carne. Condimento all’Origano selvatico dell’Etna a base di olio extrav. di oliva. Prodotto con Origano selvatico dell’Etna.

- 07/08/2016 -



Pecorino Sardo DOP e Pecorino Sardo Dop Maturo
Il Pecorino Sardo Dop è prodotto unicamente con latte di pecora intero proveniente dalla zona di origine. L’alimentazione degli ovini è basata in prevalenza sull’utilizzo diretto di pascoli naturali, prati ed erbai, ragione per cui il latte destinato alla DOP è di elevata qualità e conferisce al prodotto finito un sapore e un gusto unici. Il Pecorino Sardo è un ottimo formaggio da tavola e si presenta in due tipologie differenti per caratteristiche dimensionali e organolettiche: il DOLCE e il MATURO. Il disciplinare di produzione prevede che il latte intero di pecora eventualmente termizzato o pastorizzato possa essere inoculato con colture autoctone di fermenti lattici e successivamente coagulato con caglio di vitello ad una temperatura compresa tra 35° e 39° C. fase del processo: rottura della cagliata Successivamente la pasta viene sottoposta a rottura fino al raggiungimento di granuli di cagliata delle dimensioni di una nocciola per la tipologia dolce e di un chicco di mais per la tipologia maturo. La cagliata è quindi sottoposta a semicottura ad una temperatura non superiore a 43°C e successivamente posta in appositi stampi di forma circolare, diversi per le due tipologie. Il formaggio così ottenuto è sottoposto a stufatura e/o pressatura in condizioni di temperatura e per tempi tali da consentire l’acidificazione e lo spurgo ottimali.Segue la fase della maturazione – stagionatura che avviene in appositi locali a temperatura ed umidità controllate. Tutte le fasi del processo produttivo, dalla produzione della materia prima alla stagionatura del prodotto finito, devono rigorosamente avvenire nella Zona di Origine.

- 01/08/2016 -


OIP S.R.L.
La più grande boutique del cibo ITALIANO di qualità ad un prezzo equo.

MAGAZZINO
Via Nicolò Copernico 5/7
25020 Flero ( BS )
Italy
C.F./P.IVA 03443730985 - REA: BS 534780
Capitale Sociale Euro 80.400,00 Interamente versato

RECAPITI E ASSISTENZA
Tel.: +39.0303581121
Email: info@soloprodottiitaliani.it
PEC: info@pec.soloprodottiitaliani.it
Forum: Domande degli utenti

PAGINE UTILI
CONDIZIONI DI VENDITA
GDPR & COOKIE

Privacy Policy
Cookie Policy

Lingue/Languages
Lingue/Languates project OIP

Visitatori del giorno: 6348

3.234.214.113

ECOMMERCE CERTIFICATO
ECOMMERCE CERTIFICATE

E-Commerce Certificato

PAGINE CIFRATE HTTPS
ENCRYPTED HTTPS PAGES

I installed a Let's Encrypt certificate on our website

PAGAMENTI SICURI
SECURE PAYMENT METHODS

Secure Payments
Pay with PayPal

CORRIERI SPECIALIZZATI
COURIER SPECIALIZED

Currier for OIP