Logo OIP
Forum & Faq OIP Shipping Cost E-commerce
Non ci sono prodotti in carrello
Home - News - Tracking- Prodotti Biologici - Senza Glutine o Lattosio
Spese di spedizione gratuite oltre i 150 euro ( Tabella completa spese spedizione ) .
>
>
>
Pancetta di suino nero di Calabia

Pancetta di suino nero di Calabia

Vendita online prodotti Consorzio Nero di Calabria tipici italiani; acquista Pancetta di suino nero di Calabia


Pancetta di suino nero - 501/550 gr.
19.15 €
Pancetta di suino nero - 551/600 gr.
20.70 €
Pancetta di suino nero di Calabia

La pancetta è un salume preparato con la parte bassa dell'addome del suino, le cui rifilature vengono utilizzate per la parte grassa dei salami. La nostra pancetta è lavorata con sale e pepe rosso dolce.

Pancetta di maiale nero di Calabria, lavorata con sale e pepe rosso dolce.



L'elenco degli ingredienti è visibile nell'etichetta / fotografia del prodotto o nella scheda testuale. Utile in particolare con riferimento alla consultazione dell' Elenco Allergeni come da Regolamento (UE) n.1169/2011



Domande ed esperienze Pancetta di suino nero di Calabia


Hai delle domande sul prodotto? Inserisci la tua domanda ( pubblica ) ti risponderemo il prima possibile
Utente
Email
Domanda
A causa di numerosi tentativi di intrusione tramite software automatici dobbiamo chiedervi di inserire manualmente il codice di verifica che vedere nell'immagine nella casella a fianco:
S74B




Informazioni, consigli, aggiornamenti e curiosità su Pancetta di suino nero di Calabia



Suino Nero di Calabria, salumi di grande qualità e di tradizione molto antica
I pregiati salumi di Suino Nero autoctono di Calabria nella versione offerta da "Nero di Calabria", un marchio sul quale sta lavorando con tanto impegno e dedizione Franco Simone, presidente del relativo Consorzio. Il Consorzio mette assieme una ventina di allevatori dal Pollino all'Aspromonte, tutti dediti al pieno recupero della razza autoctona "nera" di maiale calabrese. Soppressate, salsicce, pancette, guanciale, ma anche un prosciutto di straordinaria qualità affinato e stagionato per ben 36 mesi, partendo da cosce di maiali allevati per due anni. I sui neri autoctoni di Calabria vengono allevati allo stati completamente brado o semibrado, tra boschi di castagno, di querce e di ulivi. La cultura del suino nero ha, in Calabria, origini molto antiche.

- 11/02/2014 -



Carne di Suino Nero di Calabria Salumi e Carni
LA STORIA Nei testi antichi, si legge di animali col mantello nero con le setole ispide e le grandi orecchie pendenti sugli occhi su un profilo nasale rettilineo e una testa conica. Animali che pascevano liberi e indisturbati per le strade dei paesi di Calabria e che costituivano uno dei capisaldi dell'economia domestica. Animali cosi familiari, cosi facilmente individuabili da rendere superfluo persino l'uso del Sostantivo: suino, maiale o più facilmente porco. Animali che nella metà degli anni Settanta del Secolo scorso hanno rischiato l'estinzione per via di un'utilitaristica corsa alla facilità di allevamento seriale, alla velocità di accrescimento, alla resa quantitativa a discapito della qualità.Il maiale, diretto discendente del cinghiale, nasce nero e viene da subito individuato come animale da sacrificio. La varietà calabrese è di incerta provenienza. Si pensa potrebbe discendere dal ceppo iberico, sembra però che derivi dal ceppo pugliese, assai diffuso in tutto il meridione, che a sua volta deriva dal suino Casertano.continua......

- 27/12/2013 -



GIOCO DI CONSISTENZE - Ricetta di Alfredo Iannaccone
Tutto cambia, tutto si evolve in cucina. Ciò che prima era non è. Ma solo a livello di “visione”, di occhi, perchè il palato del commensale quando assaggia “sente” i sapori che conosce, quelli tradizionali, e si avvicina quindi con gioia ad un piatto che fa parte del suo passato, dei suoi trascorsi. Sicilia-Calabria e Irpinia si fondono insieme in un piatto dove il concetto base è quello di fave-pecorino e guanciale. Abbinamenti “di un tempo”, uniti ad una carne campana, sempre irpina, di altissima qualità. La razza bovina podolica, tra Montella e Bagnoli (dal cui latte si ricava il famoso caciocavallo irpino) è una razza che ben adattandosi alle difficili condizioni ambientali delle zone interne dell’Italia Meridionale, produce latte e carne di qualità eccellente. La sua sopravvivenza e le possibilità di consolidamento sono strettamente legate al recupero zootecnico di aree marginali e al miglioramento genetico, per la produzione del cosiddetto vitello da ristallo. La tradizione delle feste di paese lo voleva cotto intero, allo spiedo, e offerto alla gente. In questa ricetta serviamo la polpa di vitello a cubotti, alti e piccoli, “panati” in briciole di pane grattugiato di kamut unito a spezie profumate e incisive, quali pepe nero e sale nero affumicato. Non manca una curcuma, lo zafferano delle indie, che regala colore e tonicità. Ma soprattutto sapore al pane. Perchè giochi di consistenze? Perchè ciò che era non è, perchè un pecorino, solido e stagionato, diventa una crema, una fonduta. Da unire a una provocazione, polvere di fave crude, siciliane di Leonforte, unite a questa specie di besciamella, senza farina, dove l’amido delle fave regala sapore, delicatezza e una bella tonalità cremosa. Un composto da poggiare in forma circolare, sul fondo del piatto: un cerchio ai cui lati poggiamo i nostri cubotti di carne. Una panatura leggera, senza l’uso di uova. La carne “sigilla” prima in padella, un istante, poi termina la sua cottura in forno. E’ leggera ma non risulterà priva di gusto. Il guanciale di suino nero dei Nebrodi allo stesso modo si evolve, stracuoce a tocchetti grossi in forno a bassa temperatura, viene poi frullato e passato al setaccio. Non c’è olio, ci mancherebbe, ma il grasso del guanciale che diventa una salsa liquida finisce a gocce sulla carne e ai lati del piatto. Ricorda il sapore del burro, dello strutto, non usiamo olio per cuocere la carne in forno, non ci sono altri grassi se non un filo di extravergine per scottare il vitello, che è croccante e profumato all’esterno e rimane rosa all’interno. La riduzione di guanciale è piacevole servita nelle giuste dosi (a gocce) sulla carne. Le fave in polvere e il pecorino creano un bell’abbinamento, da provare e da gustare…

- 09/05/2013 -



Pollo allevato a terra dell'Emilia, rosolato in forno, e ripieno di mela annurca sannita, brie e guanciale di maiale nero dei Nebrodi  Ricetta di Alfredo Iannaccone
Nelle grandi occasioni la tradizione abbraccia sempre la fantasia. Nei pranzi o nelle cene importanti, sulle tavole italiane, contano le materie prime di qualità. Soprattutto se si tratta di un secondo piatto, di una carne, al primo posto ci sono la zona di provenienza del prodotto e naturalmente i metodi di allevamento. Poi seguono in ordine gli ingredienti che usiamo per cucinare e ovviamente la metodologia di preparazione. Non sono banalità, perchè nulla va lasciato al caso. Il protagonista della nostra ricetta è un pollo, di allevamento emiliano, 3 kg abbondanti, allevato a terra. Perciò il suo sapore è straordinario. Perchè ha respirato in vita i profumi della campagna emiliana ed è stato nutrito con come si faceva una volta. Un pollo di grandi dimensioni andrebbe sempre imbottito. Per i canadesi, dove ho vissuto 3 anni, che però lo fanno con il tacchino, questa è un'arte. Lo chiamano "stuffed": e soprattutto nella cucina nordamericana amano unire sapori salati a sapori dolci. Ma la scuola ovviamente di prim'ordine rimane la nostra. I segreti dell'imbottitura ce li hanno insegnati le nostre nonne. Il pollo va prima fiammeggiato, poi va speziato o "marinato", infine va preparata la farcia. Ma se qui la nostra fantasia può volare alto, come nel caso di questa ricetta, dove ho unito un guanciale di suino nero di Calabria ad una mela acidula sannita e ad un formaggio particolare come il Brie, senza dimenticare l'indispensabile uso delle uova che servono per legare, nell'imbottitura e soprattutto nella "cucitura" del pollo è vietato commettere errori e non ci si improvvisa. Ma l'esperienza si acquista anche con l'impegno, la passione spasmodica e gli utili consigli di chi ne sa più di noi...Naturalmente ciò che va imbottito è solo il petto, solo il "cuore" del pollo. Ma se saremo stati capaci di realizzare un ripieno ricco di sapori e di equilibrio anche gustando le altre parti sentiremo i profumi delle meraviglie con cui abbiamo arricchito il nostro volatile. Continua...

- 03/04/2013 -



La miglior carbonara della mia vita
DA ANNI MI CIMENTO CON LA CARBONARA , UN PIATTO VERO DELLA TRADIZIONE E DELLA CUCINA ITALIANA

- 19/01/2013 -



Busiata Eocene a Tavola con Pancetta di Suino Nero Consorzio Nero di Calabria
Ingredienti per 4 persone 400 gr Busiata "Eocene a Tavola" 150 gr Pancetta di Suino Nero " Consorzio Nero di Calabria" 15 Mandorle Tritate Olio Extra Vergine di Oliva Dop Terre D'Otranto 1 Spicchio di Aglio prezzemolo

- 05/01/2013 -



Bucatini
Ingredienti per 4 persone 80g di Capuliato di ciliegino “Casa Morana” 50 g di pancetta di sui 400 gr Bucatini “Pastificio Masciarelli” Pancetta di suino nero “Consorzio Nero di Calabria”. 100 g di salsa di pomodoro “Masseria Dauna” 2 spicchi di aglio 1 peperoncino 4/5 peperoni arrostiti in olio d’oliva “Arconatura” 7/8 olive “Nocellara del Belice” in salamoia “Arconatura” Olio Extravergine di Oliva 110 e lode Oleificio Gulino Parmigiano Reggiano DOP “Consorzio Parmigiano Reggiano” sale e pepe

- 15/12/2012 -



Spaghetti “Pastificio Martelli” con Capuliato di Pomodoro “Casa Morana” e Pancetta di suino nero “Consorzio Nero di Calabria”.
Ingredienti x 4 persone 400 gr Spaghetti“Pastificio Martelli” 80 gr Capuliato di Pomodoro “Casa Morana” 50 gr Pancetta di suino nero ”Consorzio Nero di Calabria”. 100 gr Passata di Pomodoro ”Masseria Dauna “ 2 spicchi di aglio Olio Extra Vergine di Oliva Gran Cru Nocellara “Frantoio Cutrera” Parmigiano Reggiano DOP “Consorzio Parmigiano Reggiano” sale

- 01/12/2012 -

Acquista

Pancetta di suino nero - 501/550 gr.
19.15 €
Pancetta di suino nero - 551/600 gr.
20.70 €
Iscriviti per ricevere la prossima promozione riservata ai soli iscirtti su Pancetta di suino nero di Calabia
Indirizzo email

OIP S.R.L.
La più grande boutique del cibo ITALIANO di qualità ad un prezzo equo.

MAGAZZINO
Via Nicolò Copernico 5/7
25020 Flero ( BS )
Italy
C.F./P.IVA 03443730985 - REA: BS 534780
Capitale Sociale Euro 80.400,00 Interamente versato

RECAPITI E ASSISTENZA
Tel.: +39.0303581121
Email: info@soloprodottiitaliani.it
PEC: info@pec.soloprodottiitaliani.it
Forum: Domande degli utenti

PAGINE UTILI
CONDIZIONI DI VENDITA
GDPR & COOKIE

Privacy Policy
Cookie Policy

Lingue/Languages
Lingue/Languates project OIP

Visitatori del giorno: 5019

SELECT id FROM `conversioni` WHERE IP='35.175.191.168' AND data_ora LIKE '2019-10-20%' AND id_campagna='1'

ECOMMERCE CERTIFICATO
ECOMMERCE CERTIFICATE

E-Commerce Certificato

PAGINE CIFRATE HTTPS
ENCRYPTED HTTPS PAGES

I installed a Let's Encrypt certificate on our website

PAGAMENTI SICURI
SECURE PAYMENT METHODS

Secure Payments
Pay with PayPal

CORRIERI SPECIALIZZATI
COURIER SPECIALIZED

Currier for OIP